Sfondo fotografia testata

Qualità del Servizio

La Qualità del Servizio di Distribuzione gas è da sempre l'obiettivo principale di UNIGAS Distribuzione S.r.l., che ha dedicato a questo fine le risorse messe a disposizione dall'evoluzione tecnologica e tutta l'esperienza e le professionalità maturate dalla propria struttura operativa. Lo scopo primario di UNIGAS Distribuzione S.r.l. è di garantire un elevato Livello di Qualità del Servizio, sia in ambito di "Qualità Commerciale" sia in quello della "Sicurezza e Continuità del Servizio". Ne deriva implicitamente, la soddisfazione del Cliente Finale (fruitore), quella dei Comuni affidatari del Servizio, quella della Comunità in cui opera e la partecipazione fattiva del proprio Personale.

Anche l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) promuove la Qualità del Servizio erogato presso i Distributori gas con propri Strumenti, in particolare tramite le 2 Direttive di seguito riportate.

 

Normativa della sicurezza e continuità del Servizio

Per sicurezza del Servizio s'intende la salvaguardia delle persone e delle cose dai danni derivanti da esplosioni, scoppi e incendi provocati dal gas distribuito; essa dipende da un'adeguata odorizzazione del gas, da un Servizio di Pronto intervento efficiente, dalla eliminazione delle fughe di gas, attraverso l'ispezione della rete di distribuzione e dalla protezione catodica delle reti in acciaio. La continuità del Servizio di distribuzione riguarda invece il numero e la durata delle interruzioni della fornitura di gas ai Clienti Finali.

La regolazione della Qualità commerciale si riferisce alla tempestività nell'esecuzione da parte del Distributore di tutte le prestazioni richieste dai Clienti Finali, oggi quasi esclusivamente erogate su richiesta delle Società di Vendita. La regolazione della Qualità commerciale ha un duplice scopo: da una parte tutelare i Clienti attraverso la definizione di Standard di Qualità nazionali e uniformi, dall'altra promuovere il miglioramento medio complessivo del Servizio. Dal Gennaio 2001 l'Autorità ha revisionato progressivamente gli Standard, riducendo in alcuni casi i tempi massimi e individuando nuove aree da monitorare con appositi Indicatori di Qualità.